Archive from agosto, 2007
Ago 22, 2007 - suv    7 Comments

Il prode Navigatore

039285a9f48f82ae410d0e6abb493abd.jpgJack o Spack fanno parte integrante dell’equipaggio, ma colui che realmente permette la riuscita del giro in fuoristrada, è lui, il Prode Navigatore: con una cartina ci porta fino al paese dove inizia il percorso, con il road book ci fa seguire i sentieri più nascosti fino al termine, legge, indica la via, telefona, risponde per radio agli altri partecipanti, filma i tratti più divertenti o più difficili, rende con le sue battute estremamente piacevole il viaggio e non si lamenta mai del mal d’auto.

Solo una volta, a voler essere sinceri, è sbottato stupendomi alquanto: avevamo preso una buca facilmente evitabile e con la voce tremula per i danni generati al suo diaframma dal rinculo dei visceri  si è lamentato “se invece di fare fotografie, fumare, mangiare… guidassi… non sarebbe meglio?”. E’ successo solo quella volta e probabilmente aveva anche ragione. Non chiedetegli indicazioni se non ha una mappa tra le mani, per sua stessa ammissione ha il senso dell’orientamento di un frigorifero, ma nessuno tra i nostri amici ha mai chiesto di fare da battistrada, perché sanno che come legge il road book lui… Come dimenticare la nostra prima volta? Dovevamo partire in tre o quattro vetture per attraversare le Alpi Marittime da Ormea fino ad Imperia con il road book fornito da una vecchia rivista, poi uno non poteva, l’altro non riusciva ad avere il giorno di ferie, il terzo era indeciso perché aveva la macchina nuova. E così siamo partiti da soli, con il mio Freelander di serie con ruote stradali e la timidezza di chi non sa a cosa va incontro. Il Prode Navigatore era oltretutto pieno di antibiotici e antidolorifici per un fastidioso mal di denti, io ero piuttosto preoccupato per la mia macchina praticamente nuova.

Se eccettuiamo un tornante in salita su terra fradicia che, anche per la scarsa esperienza, ho dovuto affrontare in tre o quattro riprese, tutto è andato per il meglio, anche se abbiamo trovato freddo e nebbia che non ci aspettavamo.

Sfinito dagli analgesici, dalla fatica e dalla tensione –forse non aveva semplicemente dormito per il mal di denti- il mio socio ha dormito come un bambino da Arma di Taggia fino al casello di Alessandria Sud, comunque orgoglioso di un compito svolto bene.

cf25c662c2a1775cb27ecf64e8ae294d.jpg

Eirene che ci ha lasciati la scorsa primavera.

Ago 21, 2007 - suv    1 Comment

per non parlar del cane

59fb973ea2ebc43442fe47bb88b645db.jpg

Infatti nei giri l’uno o l’altro dei miei amici Jack e Spack partecipano sempre ed io mi domando dove trovino tutta l’allegra voglia di aggregarsi e per quale motivo l’escluso ci resti così male, si perchè a loro non credo importi più di tanto dell’aria pulita e dei paesaggi e per contro subiscono ore di scossoni, strade che sembrano un inno alle curve e il loro divertimento si limita ai momenti di sosta quando li lasciamo liberi di correre per pochi minuti.                                            

eee071be9a1a6d0231a7894b5da36cc0.jpg

0cb754fc0d446ff898719e82a65917f8.jpg

6a57af477daec7da2a3e7996f5f78781.jpg

Ago 19, 2007 - suv    3 Comments

Tre macchine a zonzo -per non parlar del cane-

 

7f57cf3cb0fccffb0ad288c3d5a4646d.jpgQuando capita di parlare dell’ultima gita che ho fatto in montagna c’è sempre qualche purista  che storce il naso perché in montagna si va a piedi, quando non c’è anche un ambientalista che allora rincara la dose con la sua convinzione che noi si sale in alto per distruggere i sentieri e i pascoli, spaventare gli animali, soprattutto quelli più piccoli e commettere ogni sorta di nefande azioni che neanche Attila ai suoi tempi…

Noi siamo un gruppo di amici che amiamo andarcene su per i sentieri con le nostre auto, per lo più con una mappa pubblicata su una rivista di settore, con il percorso quindi ben evidente e battuto vuoi dai taglialegna, vuoi dai cacciatori o dai guardacaccia, quando non si tratta di vecchie strade militari che spaziano su panorami mozzafiato, non lasciamo i sentieri perché siamo gente di pianura e

finiremmo per perderci, inoltre con i nostri SUV di serie abbiamo evidentemente poco da scialare in fatto di difficoltà.

Vediamo dei luoghi spesso ignoti o poco conosciuti ai più, a volte, lasciata l’auto, facciamo anche noi la nostra brava scarpinata, a volte mangiamo panini, per lo più cerchiamo una di quelle trattorie vecchio stile dove mangi tanto, casalingo e paghi poco.

Personalmente ho comprato un SUV per avere la possibilità di fare queste cose e non ritengo ci sia nulla di male.

 

Ago 18, 2007 - Senza categoria    4 Comments

proviamo

Un mio amico mi ha dato l’indirizzo del suo blog,

ho provato a scriverci e mi sono divertito,

ora voglio vedere se è altrettanto divertente creare un blog.

In effetti non ci sto capendo una pipa di quel che sto facendo,

ma vedremo.

L’argomento che vorrei proporre è:

Fuoristrada sui sentieri di montagna.

ca90c52e8e624f7bf6c36ce775ca5b3a.jpg